Beata Elisabetta della Trinità

 7,00

Indice

Élisabeth, casa di Dio

Elisabetta chi?
Chiara Balderi, ocds

In ascolto della Parola
Bruno Moriconi, ocd

“Trinità, dove abiti? ” Elisabetta e la dimora dei Tre
Gabriella del Verbo Incarnato, ocd

Il giorno del Signore, giorno dei Tre
Christian-marie Michel, ocd

Vivere la sofferenza
Maria Chiara, ocd

Vita del Carmelo

La scelta deve essere per Qualcuno
Paolo Boncristiano ocds

“Per vedere il Suo Volto…”
Torino – Sindone
Lisa e Marco

Un weekend vocazionale: i segni convergenti e la loro interpretazione.
Angelo e Gabriele, ocd

Il cinismo del mondo e la cultura della croce
Francesco Mininni

Per la preghiera
“Elevazione alla santissima Trinità”

COD: 2010-3 Categoria:

Descrizione

Elisabeth Catez nacque il 18 luglio 1980, sette anni dopo Teresa di Lisieux, presso il campo militare di Avor (Bourges), dove suo padre, ufficiale dell’esercito, prestava servizio. Nonostante la brillante carriera di pianista che aveva dinanzi, a 21 anni entra nel Carmelo della sua città, Digione, realizzando così un desiderio che portava nel cuore fino dall’adolescenza, ma che sua madre le aveva chiesto di rimandare fino alla maggiore età. Affettuosa, sensibile e amabilissima con tutti, nonostante il suo carattere irruento, Elisabetta è attratta dal silenzio e, come la Vergine, ama vivere nel raccoglimento segreto dell’anima, dove sa di incontrare la santissima Trinità. I suoi Tre, com’ella li chiama, che abitano in lei e in cui vuole sempre più prendere dimora. In questo incontro silenzioso ella è sicura di trovarsi già in cielo, un cielo sulla terra, naturalmente, o meglio, ancora, un cielo nella fede, come intitola il trattatello, scritto a pochi mesi dalla morte, cioè, nell’agosto 1906. Il 9 novembre 1906, infatti, il doloroso morbo di Addison, a quel tempo incurabile, la conduce all’incontro eterno e senza veli a soli 26 anni.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.128 kg
Dimensioni 14.6 × 20.4 × 0.5 cm
Anno

2010

Numero

3